Home » In evidenza » 2019 » Aprile » 56ª Giornata Mondiale di Preghiera per le Vocazioni 

Con il Vescovo al Santuario della Madonna di San Luca   versione testuale

Guarda il video del pellegrinaggio guidato da Mons. Cavina


Si è tenuto nel pomeriggio di ieri, sabato 4 maggio, il pellegrinaggio al Santuario della Madonna di San Luca a Bologna, presieduto dal Vescovo Francesco Cavina. L'iniziativa, in vista della 56ᵃ Giornata mondiale di preghiera per le vocazioni, che ricorre domenica 12 maggio, è stata promossa dall’Ufficio regionale vocazioni dell'Emilia Romagna, in collaborazione con gli Uffici diocesani.
Dopo la salita lungo il portico che conduce in cima al colle, con la recita del Rosario, il Vescovo ha presieduto la Santa Messa nel Santuario. Con lui all'altare alcuni sacerdoti della Diocesi di Carpi. Presenti numerosi pellegrini diocesani.
 
 
Sabato 4 maggio, il lungo “serpentone” dei pellegrini si è diretto verso il Santuario recitando il Rosario mentre percorreva il lungo portico. Nella loro salita i fedeli incontravano diverse persone che utilizzavano lo stesso percorso per attività sportive, alcuni di loro mostravano un certo rispetto, mentre altri non nascondevano il loro disappunto per dover rallentare il loro agone sportivo a causa di quello che a loro non poteva che apparire un antico rito ormai in disuso, pur restando meravigliati del fatto che tra quella folla ci fossero dei giovani, tanti giovani. Questi atletici personaggi non sanno però che non erano i pellegrini ad ingombrare il percorso dei portici, perché nel 1677, quando i bolognesi tutti insieme si erano impegnati a portare dalla città alla sommità della collina, passandosi di mano in mano, tutti i materiali per la costruzione dei portici e del Santuario, con quello che è passato alla storia come il “Passamano per San Luca”, volevano arrivare a costruire un luogo di preghiera, non una pista di atletica. Giunti al Santuario i fedeli hanno letteralmente riempito la grande chiesa spinti dalla consapevolezza dell’importanza della preghiera per chiedere al “padrone della messe” nuove e sante vocazioni sacerdotali e religiose; tra i carpigiani che erano più di un centinaio, erano presenti gruppi e persone che da tempo portano avanti questo importante impegno. Durante la celebrazione il nostro Vescovo, monsignor Francesco Cavina, ha pregato perché i ragazzi che in questi momenti cominciano a vivere la loro esperienza di una scelta di fede, possano rafforzare il loro impegno e riuscire a portarlo a termine. E’ stato molto interessante ascoltare la testimonianza di due giovani che hanno messo in comune con tutta l’assemblea la loro esperienza di cammino vocazionale: Rossella di Lugo di Romagna, 36 anni, entrata dell’Ordo Virginum per svolgere la sua missione nella vita quotidiana tra la gente, mentre Tommaso, 25 anni, seminarista di Reggio Emilia, che fra tre settimane sarà diacono, pur sentendosi “assolutamente inadeguato”, ha deciso di continuare nel suo impegno in vista del ministero sacerdotale. Al termine della Santa Messa il sacerdote concelebrante, don Alessandro Ravazzini, ha parlato a tutti i presenti dell’iniziativa portata avanti da monsignor Cavina, che ogni mese accompagna i fedeli carpigiani al pellegrinaggio penitenziale al Santuario della Madonna dell’Aiuto a Santa Croce per impetrare nuove vocazioni e, visti i lusinghieri risultati, ha auspicato che tale impegno venga fatto proprio anche da altre Diocesi.
 
Roberto Riccò - Parrocchia di Quartirolo
 
 
4 maggio 2019

Diocesi di Carpi - C.so Fanti, 13 - 41012 Carpi (MO) - Tel. 059 686048 - Fax. 059 6326530
Ufficio Comunicazioni Sociali - C.so Fanti, 13 - 41012 Carpi (MO) - Tel. 059 686048 - Fax 059 6326530
E-mail: direttore_ucs@carpi.chiesacattolica.it